Guido, 36 Impiegato - Associazione Donatori San Marco

guido giardina donatore san marco

La prima donazione l’ho fatta molto tempo fa, nel 1997. Quell’anno mia nonna doveva sottoporsi ad un delicato intervento e così io e buona parte della famiglia ci siamo offerti di donare. Diciamo che la prima donazione è stata di gruppo e che ci siamo sostenuti a vicenda. Tutto è nato per un motivo di forza maggiore ma io avevo già la consapevolezza di voler donare il sangue già dai tempi della scuola.  E’ stato lì che ho capito che è un gesto che non costa nulla e che può aiutare il prossimo.

Ogni volta che faccio una donazione mi sento bene. Affronto quest’esperienza normalmente.  A mio parere non deve essere visto come un gesto eroico, ma come un qualcosa di assolutamente normale. Io ho all’attivo circa 20 donazioni e non solo non ho mai avuto problemi di alcun tipo, ma la donazione non mi ha mai arrecato alcun fastidio.

Spesso provo a motivare anche coloro i quali evitano di donare per pigrizia o paura. Io penso alla parola “bisogno”. Un giorno, chiunque potrebbe avere bisogno di sangue, ecco perché penso che sia di fondamentale importanza donare.

L’ultima volta in cui ho donato è stato questa mattina. Ormai sono passati alcuni anni, c’è un po’ più di maturità e vivo la donazione con lo spirito di un veterano ma, ripeto, non è nulla di “speciale”.
Donare è fondamentale. Io mi informo, conosco la situazione relativa all’emergenza sangue, anche perché sono abbastanza attivo:  non mi limito a vivere la vita dell’Associazione  ma ne osservo anche i progressi. La situazione “emergenza sangue” è abbastanza importante in tutta la Sicilia, anche in altre province, dove capita di dover rimandare gli interventi a causa della carenza di sangue.

This Campaign has ended. No more pledges can be made.

  • 0 Backers

    Donation

  • -7 Backers