Simone, 46 Veterinario - Associazione Donatori San Marco

Simone Platania - donatori San MarcoHo effettuato la mia prima donazione nel 1986. In quel periodo frequentavo ancora l’istituto agrario, ero poco più che diciottenne. Ho un ricordo bellissimo di quell’esperienza, fatta all’interno di un’autoemoteca e che ha rappresentato l’inizio per me del mio percorso da donatore. Inizialmente non sono stato molto costante, successivamente invece è diventato un appuntamento fisso per me.
Donare, come dice il termine stesso, è un atto di bontà. Talvolta penso al fatto che forse anche io, un giorno potrei averne bisogno. Ricordo ancora quando, nel 1984, mia madre fu operata ed ebbe bisogno di sangue. Questa cosa mi colpì molto.

Quando mi chiedono come ci si sente dopo aver donato io rispondo che ci si sente molto bene, sia fisicamente che emotivamente. Quando dono sto sempre bene.
Non fa assolutamente male ed è possibile tornare alla vita di sempre, senza alcun tipo di problema. C’è molta paura nell’approcciarsi alla donazione ma è del tutto immotivata. Quando mi è capitato di doverne parlare a qualche amico ho sempre usato una frase molto forte: “Chiudi gli occhi e immagina per un minuto che tuo figlio possa avere bisogno di sangue”. Sono assolutamente convinto che quando si è davanti a qualcosa di importante anche la paura più forte passa. E le vite degli altri, anche se non li conosciamo, sono sempre importanti.

This Campaign has ended. No more pledges can be made.

  • 0 Backers

    Donation

  • -7 Backers